Religione

Le tre “conversioni” di san Newman

Don Francesco Saverio Venuto è docente di storia della Chiesa presso la Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale Sezione di parallela di Torino. Ha scritto per EffatàIl Concilio Vaticano II. Storia e recezione a cinquant’anni dall’apertura” e sta realizzando un importante studio sul Movimento di Oxford, senza il quale non si può cogliere appieno la grandezza di John Henry Newman, divenuto santo domenica. Inoltre, don Francesco è succeduto all’insigne storico della Chiesa monsignor Renzo Savarino nella custodia della rettoria dell’Arciconfraternita della Misericordia, l’unica chiesa torinese in cui si officia la Santa Messa in latino; un luogo molto caro ai cattolici non ebbri del liberalismo modernistico tanto avversato dal cardinale inglese.

Professore, chi è e cosa ha da dirci oggi il cardinale Newman?

Per capirlo vale la pena partire dalle parole che Benedetto XVI gli dedicò nel discorso ai cardinali, arcivescovi e vescovi, pre...

Categoria: 
Fonte: 

Amici e nemici di Newman, il santo che divenne cattolico suo malgrado

In quale misura il cardinale John Henry Newman, oggi santo, è un pensatore europeo? Non c’è dubbio che egli sia profondamente britannico, per formazione ma specialmente per gli interlocutori con i quali ha dialogato e polemizzato. Formatosi ad Oxford, il cuore culturale dell’anglicanesimo, per metà della sua vita Newman fu coinvolto in dibattiti teologici ed ecclesiologici tipicamenti anglicani. I suoi riferimenti sono i classici greci e latini, i Padri della Chiesa, e i grandi teologi anglicani, particolarmente Joseph Butler.

Il
movimento di Oxford, o dei trattariani, nasce precisamente come una riscoperta
delle fonti dell’anglicanesimo. Newman, insieme ad altri compagni, si ritrova
cattolico in qualche modo suo malgrado, possiamo affermare. Diventa cattolico
per onestà intellettuale nei confronti della propria coscienza, non certo per influenza
di specifici teologi cattolici inglesi, praticamente inesistenti, o
continentali.

Giustamente ricordiamo la tradizione empirista dalla quale il cardinale Newman...

Categoria: 
Fonte: 

Copertura ed engagement: come farsi notare su Facebook

La copertura, o reach, rappresenta il numero totale di persone che visualizza un post da quando viene pubblicato. L’engagement è il numero di interazioni con il post stesso da parte della vostra audience. PURTROPPO CI SONO CATTIVE NOTIZIE Facebook recentemente ha apportato una modifica al proprio algoritmo che avrà un fortissimo impatto proprio sulla copertura… Leggi tutto »Copertura ed engagement: come farsi notare su Facebook

L'articolo Copertura ed engagement: come farsi notare su Facebook proviene da Prime Consult.it.

Categoria: