Religione

La colpa di monsignor Cavina

Come hanno giustamente notato gli amici del Centro Studi Livatino, le dimissioni di monsignor Francesco Cavina da vescovo di Carpi sono un fatto gravissimo. È una questione che riguarda la «libertà della Chiesa». Mentre in Italia si dibatte di giustizia, di Csm, di politici a cena con pm, di magistrati che mercanteggiano per avere dei posti, come se fossero dei politici qualunque (ironia), accade che un incensurato, vescovo per di più, su cui non c’è nulla, niente di niente, finisca sputtanato sui giornali, si pubblichino sue intercettazioni, lo si metta alla gogna sebbene sia in via d’archiviazione, gli si riservi insomma quel trattamento che da venticinque anni abbiamo visto riservare a tutti quelli che non garbano alla sinistra, fino a portarlo a una decisione clamorosa e inaudita: le dimissioni. E questo non è uno scandalo? E questa non è macchina del fango? E questa non è una vicenda che dovrebbe portare a un radicale ripensamento della giustizia e...

Categoria: 
Fonte: 

Minacce di morte a Pell: se assolto, dovrà vivere in un «rifugio sicuro»

Tra il 29 giugno e il 14 luglio la Corte suprema dello Stato di Victoria dovrebbe emettere la sentenza sul ricorso di George Pell. Come riportato dal The Australian, i sostenitori del cardinale stanno cercando un «rifugio sicuro» per lui in caso di assoluzione.

L’ex tesoriere vaticano è stato condannato in primo grado a sei anni e mezzo di carcere per abusi sessuali su due minorenni. La difesa ha fatto ricorso in appello basandosi sulla «irragionevolezza» della sentenza, essendo il primo processo costellato di falle e punti oscuri. L’appello si è svolto in diretta televisiva nazionale il 5 e 6 giugno in un clima estremamente teso.

AL...

Categoria: 
Fonte: 

Che cosa spinse davvero san Francesco a incontrare il sultano nel bel mezzo di una crociata

Articolo tratto dal numero di Tempi di giugno 2019 (attenzione, di norma l’accesso agli articoli del mensile è riservato agli abbonati: abbonati subito!).

***

Damietta 1219. Casa nostra 2019. Questo scritto non vuole essere una analisi storica o storiografica del fatto di Damietta, ma semplicemente una personale riflessione a partire da questa vicenda, così tanto incredibilmente meravigliosa e così tanto dibattuta.

Se andiamo a leggere le prime biografie del santo di Assisi a proposito dell’incontro con il sultano, troveremo, se non notizie contrastanti, sicuramente un modo a tratti diverso di affrontare l’accaduto. A complicare la questione c’è anche da considerare il tema “scottante” che da questo storico incontro scaturisce: rapporto tra Occidente e Oriente, tra cristianesimo e islam… Una cosa è certa: dobbiamo toglierci dalla testa l’immagine un po’ sdolcinata...

Categoria: 
Fonte: 

Via alla causa di beatificazione per Bisagno. Ecco chi era “il primo partigiano d’Italia”

Può iniziare la causa di beatificazione e canonizzazione di Aldo Gastaldi, il “primo partigiano d’Italia”, medaglia d’oro della Resistenza, meglio conosciuto come “Bisagno”. Ad autorizzare il processo è stato il cardinale Angelo Bagnasco, come riferisce la curia arcivescovile di Genova attraverso il settimanale diocesano Il Cittadino.

Qui il breve profilo biografico di Bisagno fornito dall’Ansa a corredo della notizia:

«Gastaldi nacque a Genova il 17 settembre 1921. Dopo gli studi e una breve esperienza lavorativa nel 1941 ricevette la chiamata alle armi e il 15 agosto del 1942 prese servizio come sottotenente nel 15/esimo Reggimento Genio a Chiavari. Dopo l’8 settembre ’43 iniziò l’avventura partigiana. Nei pressi di Cichero, sulle pendici del Monte Ramaceto, nell’inverno del 1943, diede il via, insieme con al...

Categoria: 
Fonte: 

Riscoprire il sesso per superare l’ideologia del gender

Articolo tratto dall’Osservatore Romano – Nel pomeriggio di lunedì 10 giugno, la Congregazione per l’educazione cattolica pubblica il documento “Maschio e femmina li creò. Per una via di dialogo sulla questione del gender nell’educazione”. Di seguito l’articolo di presentazione del cardinale prefetto della Congregazione, Giuseppe Versaldi.

***

Nell’ultima decade i vescovi hanno mostrato sempre più attenzione alla cosiddetta questione del gender, ponendo quesiti alla Congregazione per l’educazione cattolica per quanto concerne le scuole e le università cattoliche. Durante i lavori dell’assemblea plenaria della Congregazione, svoltasi nel febbraio 2017, è affiorata l’emergenza dell’ideologia del gender in ambito educati...

Categoria: 
Fonte: 

«Siate pellegrini e non vagabondi»

Articolo tratto dall’Osservatore romano – Nella notte di Pentecoste si vivrà, tra Macerata e Loreto, il pellegrinaggio che dal 1978 vede l’anima e vita dell’organizzazione in monsignor Giancarlo Vecerrica, vescovo emerito di Fabriano-Matelica. Un evento che conta migliaia di presenze, provenienti da ogni angolo d’Italia e non solo, e che partirà domani sera, 8 giugno, preceduto, come hanno annunciato gli stessi organizzatori, da un messaggio di saluto del Papa. Al presule marchigiano abbiamo rivolto alcune domande sul significato dell’avvenimento.

Siamo all’edizione 41 della Macerata-Loreto e lei è l’ideatore di questa esperienza. Cosa prova di fronte a un numero così importante?

Sinceramente mi sento sorpreso. ...

Categoria: 
Fonte: 

Pell, termina il processo di appello. «L’accusa ha faticato molto»

Le due udienze del processo di appello dove è imputato George Pell si sono concluse oggi pomeriggio. Secondo il Sydney Morning Herald, «i giudici si prenderanno almeno diverse settimane prima di emettere la sentenza». Il cardinale australiano passerà il suo 78mo compleanno, che cade sabato, in carcere, dove si trova in isolamento da tre mesi.

SENTENZA «IRRAGIONEVOLE»

L’ex tesoriere vaticano ha partecipato alle udienze davanti alla Corte suprema dello Stato di Victoria senza mai prendere la parola. In primo grado, una giuria l’ha condannato a sei anni e mezzo di carcere per abusi sessuali su due minorenni (uno dei quali è poi deceduto e ha sempre detto di non aver subito violenze). La difesa, guidata dall’avvocato Bret Walker, ha fatto ricorso in appello puntando sull...

Categoria: 
Fonte: 

Abusi. Oggi comincia il processo di appello del cardinale Pell

Oggi e domani si svolgerà il processo di appello del cardinale George Pell, condannato in primo grado a sei anni e mezzo di carcere per abusi sessuali su minorenni. Tre giudici della Corte suprema dello Stato di Victoria, in Australia, dovranno decidere se confermare la condanna, prosciogliere l’ex arcivescovo di Sidney oppure ordinare l’istruzione di un nuovo processo. Il primo, come sottolineato più volte, è stato pieno di falle e punti oscuri.

I legali di Pell sosterranno innanzitutto che la sentenza di primo grado è «irragionevole». La giuria che ha condannato il cardinale, infatti, «non può essere stata soddisfatta oltre ogni ragionevole dubbio basandosi solo sulla singola testimonianza di un querelante contro “le prove discolpanti e non smentite” fornite da oltre 20 testimoni», secondo la difesa.

IL VERDETTO

...

Categoria: 
Fonte: 

Romania. I vescovi eroi perseguitati dai comunisti oggi saranno beati

Articolo tratto dall’Osservatore romano – Nella storia del XX secolo è molto difficile trovare una persecuzione simile a quella scatenata in Romania dal regime comunista nel 1948 contro la comunità greco-cattolica. Prima della repressione nel paese essa contava circa un milione e cinquecentomila fedeli. Dopo cinquanta anni di persecuzione, i fedeli si erano più che dimezzati.

È in questo contesto che si inserisce il martirio dei vescovi Valeriu Traian Frenţiu, Vasile Aftenie, Ioan Suciu, Tit Liviu Chinezu, Ioan Bălan, Alexandru Rusu, e Iuliu Hossu che papa Francesco beatifica oggi, domenica 2 giugno, a Blaj, durante il viaggio apostolico in Romania. Frenţiu, Aftenie, Suciu e Chinezu morirono in carcere. Gli altri tre — Bălan, Rusu e Hossu — riuscirono a sopravvivere alla prigione, ma morirono a causa delle terribili condizioni in cui vissero durante il loro domicilio coatto.

LA CHIESA GRECO-CATTOLICA

Per comprendere il martirio di questi presuli occorre ricordare che già
decenni prima della seconda guerra mondiale una parte della Chiesa ortodossa
era tornata nella piena comunione con la Chiesa cattolica. In particolare, la
formale unione d...

Categoria: 
Fonte: 

Pages