Finanza

Il vaccino cinese Coronavac sarebbe efficace soltanto al 50,4%

(foto: HeungSoon/Pixbay) I vaccini contro il coronavirus non smettono di far discutere gli scienziati. Oggi è il turno di Coronavac, messo a punto dalla casa farmaceutica cinese Sinovac Biotech. Il vaccino fa parlare di sé riguardo alla sua capacità di proteggere dal Covid-19. Recentemente i ricercatori dell’Istituto Butantan nello stato di San Paolo in Brasile, uno …

Il vaccino cinese Coronavac sarebbe efficace soltanto al 50,4% Leggi altro »

Ces 2021, la pattuglia delle startup italiane

(Foto: Pixabay) “L’edizione all-digital del Ces 2021 porta un grosso rammarico e una grande soddisfazione“, ci ha rivelato Carlo Ferro, presidente ICE, l’agenzia per la promozione delle imprese italiane. Per via dell’emergenza globale della pandemia Covid-19, infatti, non è stato possibile proseguire col programma originario di raddoppiare di anno in anno il numero delle startup…

Cosa faranno gli esperti dell’Organizzazione mondiale della sanità a Wuhan?

(foto: Miguel Candela/Echoes Wire/Barcroft Media/Getty Image) Wuhan, un anno e 2 milioni di morti dopo. Gli esperti dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), bloccati finora per problemi di visto, stanno per arrivare là dove pare che tutto sia cominciato. Finalmente la Cina ha concesso l’ingresso nel paese e il team dovrebbe volare da Singapore direttamente a …

Cosa faranno gli esperti dell’Organizzazione mondiale della sanità a Wuhan? Leggi altro »

In Campania sono state somministrate più dosi di vaccino anti-Covid di quelle ricevute. Com’è possibile?

Foto di Vesna Harni da Pixabay La Campania è la prima regione italiana ad aver somministrato tutte le dosi di vaccino anti-Covid ricevute. Anzi, anche di più: secondo il report del ministero della Salute la percentuale esatta è del 101,7%. Com’è possibile? Non c’è trucco, non c’è inganno I conti campani tornano e basta guardare …

In Campania sono state somministrate più dosi di vaccino anti-Covid di quelle ricevute. Com’è possibile? Leggi altro »

Forse abbiamo trovato il paziente 1 italiano? Una donna era positiva al coronavirus a novembre 2019

(foto: Elchinator via Pixabay) La ricostruzione delle tappe e del percorso temporale e spaziale del coronavirus Sars-Cov-2 non si arresta. Oggi uno studio internazionale coordinato dall’università Statale di Milano ha rintracciato la possibile presenza del virus in una giovane paziente con sintomi cutanei nell’autunno 2019. La donna aveva soltanto una dermatite e il Sars-Cov-2 risulta…

Didattica a distanza, un fallimento organizzativo ma anche umano

La scuola superiore doveva ripartire oggi. In presenza, per almeno la metà degli studenti. E invece rimane esclusivamente a distanza in quasi tutto il paese, affidata alla famigerata “DaD” che in questi mesi ha mostrato tutti i suoi limiti. Anzitutto di tipo teorico: abbiamo infatti etichettato come didattica a distanza un pentolone di sistemi che …

Didattica a distanza, un fallimento organizzativo ma anche umano Leggi altro »

Per trattare Covid-19 grave si potrebbero usare le staminali?

(Foto: Pixabay) Grazie alle infusioni di cellule staminali mesenchimali derivate dal cordone ombelicale si potrebbero ridurre la mortalità e il tempo di guarigione della Covid-19. È questa l’ipotesi del team di ricercatori dell’Università di Miami, secondo cui queste cellule, già note per i loro effetti immuno-regolatori e antinfiammatori, avrebbero benefici anche nel trattare le forme…

Covid-19 potrebbe causare danni cerebrali anche se il virus non è nel cervello

(foto: Raman Oza via Pixabay) Il coronavirus può essere pericoloso anche per il cervello, soprattutto in chi sviluppa forme gravi di Covid-19. In questi pazienti il responsabile del danno cerebrale potrebbe non essere il virus, o almeno non in maniera diretta, ma un’azione eccessiva del sistema immunitario che causa una forte infiammazione. Lo mostra una …

Covid-19 potrebbe causare danni cerebrali anche se il virus non è nel cervello Leggi altro »

Come la scienza studia l’ansia e la depressione indotte dalla povertà

Le persone che sono costrette a lottare per sostenere i propri bisogni primari incontrano spesso lungo il proprio percorso la paura e la disperazione. E, purtroppo, queste ultime possono essere il preambolo di ansia, depressione e altri problemi di salute mentale, i quali non fanno altro che indebolire la già fragile situazione economica delle persone …

Come la scienza studia l’ansia e la depressione indotte dalla povertà Leggi altro »