“Lilli e il Vagabondo” è razzista, censura per il live action

Redatto da Oltre la Linea.

“Lilli e il Vagabondo”, uno dei massimi capolavori del cinema di animazione del secolo scorso, è razzista. Ebbene sì. Nello specifico la canzone dei gatti siamesi dell’originale 1955. Ormai non ci sono più limiti. Dopo Paw Patrol e il trenino Thomas “fascisti”, anche la Disney si prepara ad attuare una bella censura in vista del remake live action.

Categoria: