Dugin censurato, Campi: “Segno di debolezza e vacuità”