Non si eredita un’emozione. Storia di Casaleggio, il figlio di Rousseau

Articolo tratto dal numero di marzo 2020 di Tempi. Questo contenuto è riservato agli abbonati: grazie al tuo abbonamento puoi scegliere se sfogliare la versione digitale del mensile o accedere online ai singoli contenuti del numero.

@media only screen and (min-width: 501px) .align_atf_banner float:left;

I figli. Che guaio i padri per i figli, quando il genitore mette in mano al suo adorato virgulto un tesoro che è stato creato ed è cresciuto avendo impresse le impronte irriproducibili, non surrogabili, del padre. Non si possono ripetere le parole magiche, non sono formule che funzionino con qualsiasi bocca che le pronunci, anche se almeno il 50 per cento...

Categoria: 
Fonte: