Trump rivoluzionario? Culturalmente, sì

Redatto da Oltre la Linea.

La parola “rivoluzionario” oggi forse suona “storta”, come “storto” è il suo accostamento a Donald Trump. La rivoluzione mal si concilia con processi parlamentari, ma ben si sposa con altri di natura repentina, di protesta, che stravolgono qualche aspetto della società o addirittura delle istituzioni.

Nel caso di Trump, però, qualcosa sembra smuoversi seguendo i processi ordinari, nonostante la costante presenza del cosiddetto Deep State, nonostante l’opposizione di praticamente tutto il mondo culturale e mediatico statunitense.

Non è assurdo definire Trump rivoluzionario

L’affermazione è indubbiamente pesante, ma con la logica se n...

Categoria: