Forbes Italia

Ad Amsterdam c’è un museo dove puoi trovare borse del 16esimo secolo

Ph. Louise te Poele

Si chiamano Hendrikje e Heinz Ivo e hanno qualcosa in comune: la passione per le borse d’epoca. Passione che ha portato i due collezionisti a riunire una raccolta di pezzi risalenti a vari periodi, dal 1500 ai giorni nostri, oggi ospitati all’interno del Tassenmuseum Hendrikje di Amsterdam. Al suo interno più di 5000 oggetti: borse, borsoni e borsette, ma anche accessori come guanti, scarpe, beauty-case e bauli da viaggio organizzati in ordine cronologico, dal XVIº secolo a oggi.

Borse di pelle, coccodrillo o plexiglas, incastonate di pietre preziose o a forma di cuore, talmente piccole da contenere solo il portacipria o grandi bauli per viaggiare: ce n’è davvero per tutti i gusti e tutte le epoche. Non mancano, ovviamente, le borse iconiche degli stilisti più famosi, mentre una sezione è dedicata a giovani bag designers.

Categoria: 

Il futuro del business #2 – Gli ideali valgono più dei mattoni

Esperto tecnica della programmazione neuro-linguistica (o Pnl), specializzatosi negli Stati Uniti e in Gran Bretagna, e fautore delle necessità di una figura aziendale molto di tendenza, Raffaele Tovazzi ha concepito per Forbes con la sua Action Media la serie podcast “Il Futuro del Business”. Nella seconda puntata, che trovate di seguito, condivide il suo pensiero intorno al cambio generazionale, al futuro delle banche e al tema delle relazioni nell’era digitale.

Ascolta “Gli ideali valgono più dei mattoni (Episodio 2 di 10)” su Spreaker.

L’articolo Il futuro del business #2 – Gli ideal...

Categoria: 

Le auto classiche in asta al Concorso d’Eleganza di Villa d’Este 2019

Auto all’annuale Concorso d’Eleganza Villa d’Este

Dal 24 al 26 maggio 2019 si terrà un appuntamento immancabile per tutti gli amanti delle auto classiche: il Concorso d’Eleganza di Villa d’Este. La splendida cornice costituita da Villa d’Este e Villa Erba, magioni dal fascino senza tempo che si affacciano sul lago di Como, rendono unico questo concorso nato nel 1929. Così come avvenuto per l’edizione dello scorso anno, anche stavolta la redazione di Forbes.it seguirà questa importantissima rassegna che, dopo Pebble Beach, può essere considerato l’evento più glamour e importante per le auto classiche.

Il motto dell’edizione 2019, sempre organizzata da BMW Group Classic e il

Categoria: 

Le donne lavorano meglio al caldo, gli uomini col freddo. Ora lo conferma la scienza

(Shuttestock)

Gli scienziati hanno detto la parola definitiva sulla cosiddetta “guerra del termostato”: la querelle che tutti gli anni all’emergere dei primi caldi mette di fronte i lavoratori di sessi diversi circa l’utilizzo dell’aria condizionata negli uffici.

Il cervello delle donne semplicemente funziona meglio a temperature più elevate, quello degli uomini a temperature più basse. E’ il risultato di uno studio pubblicato sulla rivista PLOS One e redatto da Tom Y. Chang e Agne Kajackaite.

Categoria: 

Un italiano tra i 10 ceo più rispettati al mondo nel 2019

Fabrizio Freda, ceo di Estee Lauder. (Photo by Theo Wargo/Getty Images for Estee Lauder)

di Vicky Valet

C’è stato un tempo in cui Google sembrava non aver fatto nulla di male – e poi è arrivato “il memorandum“. Scritto da un ex ingegnere informatico critico in merito alle iniziative di diversity dell’azienda, il famigerato documento del 2017 ha offuscato la reputazione del colosso tech. Ma l’amministratore delegato Sundar Pichai ne è uscito illeso, grazie anche al modo trasparente in cui ha gestito la crisi. Due anni dopo, però, i problemi che vanno dalle proteste dei dipendenti per la gestione delle accuse di cattiva condott...

Categoria: 

I podcast di Forbes – Il futuro del business #1

Ascolta il podcast

Si definisce filosofo esecutivo, e la sua missione è applicare al business gli insegnamenti delle discipline filosofiche: per farlo ha creato Filosofia esecutiva, una sorta di movimento  a metà tra filosofia e comunicazione, che propone di radunare pensatori radicali come lui. Lui si chiama Raffaele Tovazzi ed è esperto tecnica della programmazione neuro-linguistica (o Pnl), specializzatosi negli Stati Uniti e in Gran Bretagna, e fautore delle necessità di una figura aziendale molto di tendenza: il filosofo, in azienda, cerca di cambiare la prospettiva da cui guardare alle cose, e spesso riesce laddove manager e amministratori delegati falliscono.

Per Forbes Raffaele Tovazzi ha concepito la serie podcast “Il Futuro del Business”. Nella prima puntata, che trovate di ...

Categoria: 

Mezzi volanti e super-computer, come saranno i nuovi investimenti Ue

L’HovertTaxi presentato al VivaTech di Parigi (foto dell’autore)

E se fossero dei mezzi elettrici volanti -pensate alla vettura d’ordinanza dell’agente Rick Deckard del film Blade Runner– a vincere la corsa al mercato della mobilità del futuro, che oggi vede schierati grandi player e grandi capitali?

E’ la tendenza più evidente emersa alla terza edizione di VivaTech Parigi, la grande kermesse europea dell’innovazione, che cerca di ri-mettere in pista il vecchio continente nella corsa ai primati tecnologici, che oggi vedono Usa e Cina come duopolio dominante con qualche spicchio di Corea del Sud, India e Giappone.

Un “identificato oggetto volante” blu elettrico che attira l’attenzione degli analisti e del pubblico è sicuramente HoverTaxi  (foto) dotato di otto rotori che promette di trasportare il pilota e un solo passeggero per 25 Km in un quarto d’ora. Ci crede fermamente Charles Dalberto...

Categoria: 

Transferwise è ora la startup fintech di maggior valore in Europa

Kristo Käärmann, cofondatore e ceo di TransferWise

Transferwise, la startup estone che offre servizi per il trasferimento di denaro, ha ottenuto secondo il Financial Times un nuovo round di finanziamenti da venture capitalist che hanno portato la valutazione della società a 3,5 miliardi di dollari. In questo modo Transferwise è divenuta la startup fintech più preziosa d’Europa, quella caratterizzata dal maggior valore

Transferwise la startup fintech da 3,5 miliardi di...

Categoria: 

Investimenti immobiliari online, la scalata degli italiani di Walliance

(Shutterstock)

“Quando il gruppo Bertoldi ha deciso di importare in Italia il modello americano degli investimenti immobiliari online, ci siamo fatti molte domande e abbiamo superato tanti ostacoli. Nonostante fossimo ben preparati, anche quando è arrivato il momento di schiacciare il bottone del ‘‘go live’’, ancora troppe incertezze aleggiavano sulla nostra testa”. Lui è Giacomo Bertoldi, fondatore e amministratore delegato di Walliance, classe ’91 e una maturità imprenditoriale da far invidia ai suoi colleghi più navigati. “Il tempo però ci ha dato ragione perché i risultati sono arrivati, ma non senza fatica. Il segreto, di fatto, è stata la costanza e il non demoralizzarsi...

Categoria: 

Pages