Forbes Italia

Le nuove divise della Nazionale italiana di calcio saranno firmate Giorgio Armani

Le divise Giorgio Armani

Il legame tra Giorgio Armani e lo sport italiano prosegue a gonfie vele. Dopo le divise per la squadra nazionale alle Olimpiadi del 2012 e del 2016, lo stilista ha siglato un accordo quadriennale con FIGC (Federazione Italiana Gioco Calcio) come fashion & luxury outfitter. In altre parole, il re della moda italiana firmerà il guardaroba della Nazionale italiana di calcio, dell’Under 21 e della nazionale femminile. In questo caso, la fornitura per la Nazionale italiana sarà firmata Emporio Armani, linea sportiva della casa di moda, e comprende abito, camicia e soprabito. Per quanto riguarda i materiali è stato scelto il jersey, comodo e pratico, mentre i capispalla sono utilizzabili in più stagioni grazie agli interni staccabili. Completano la divisa scarpe, accessori (borsone, zaino, cintura), prodotti di piccola pelletteria e occhiali da sole.

Categoria: 

La storia da mille e una notte che puoi vivere solo a Marrakech

Balcony, Suite Prestige

Di Marrakech, La Mamounia è forse il luogo più leggendario. Fondato nel 1923 e progettato dagli architetti Léon Henri Prost e Antoine Marchisio, era l’hotel preferito da Winston Churchill quando si tratteneva in città, “il posto più incantevole del mondo”, come amava definirlo. Un luogo fin da subito speciale, la cui storia sembra uscire dai racconti de “Le Mille e una Notte” , affondando le radici nel Marocco di fine Settecento. Fu allora che Re Sidi Mohammed Ben Abdellah regalò ai quattro figli appena sposati una grande magione fuori dalla Kasbah, dedicando a ognuno un giardino. A diventare famoso fu quello dedicato a Mamoun, il principe più mondano, che era solito organizzare grandi feste all’ape...

Categoria: 

I vip e gli sportivi che credono negli eSports. Scommettendoci milioni di dollari

Fernando Alonso ha rilanciato la sua squadra FA Racing, in collaborazione con Veloce Esports e lo sponsor tecnico Logitech. (G. Mark Thompson/Getty Images)

Con un giro d’affari annuale che nel 2019 sfonderà, per la prima volta, la barriera del miliardo di dollari e oltre 453 milioni di persone a seguito, è chiaro che gli sport elettronici (noti anche come eSports) rappresentano un’opportunità intrigante. Non solo per le grandi aziende (da Nike fino a BMW) che vogliano sponsorizzare i principali tornei al mondo, ma anche per singoli investitori, soprattutto ex-sportivi, che scommettono sullo sport del futuro: quello virtuale. Attirati dalla crescita costante (le previsioni più caute stimato

Categoria: 

Il nuovo quartiere del lusso che cambierà lo skyline di New York

(neimanmarcus.com)

Per Neiman Marcus, famoso department store americano con sede a Dallas (Texas), è arrivato il momento di sbarcare anche nella Grande Mela. E non in un luogo qualunque, ma nel quartiere di Hudson Yards, città nella città nel cuore di Manhattan. Il complesso, inaugurato nei giorni scorsi, comprende 13 edifici e un grattacielo di 75 piani ed è il più grande dai tempi del Rockfeller Center. Un progetto costato 25 miliardi di dollari con oltre 100 negozi, 25 ristoranti, condomini di lusso con 4mila unità abitative, e circa un milione di metri quadrati di spazi per uffici.

Naturalmente, inutile dirlo, il vero protagonista sarà il lusso: con qualche incursione da parte di marchi di fast fashion come Uniqlo, H&M e Zara, a occupare il nuovo complesso sono maison come FendiDiorLouis VuittonKenzo, Cartier e Tiffany. Una posizione sicuramente strategica, quella scelta dal department statunitense, che cambierà lo skyline di Manhattan, volutam...

Categoria: 

L’avvocato poliglotta

Riccardo Massari, fondatore di Lawlinguists.

Articolo tratto dal numero di marzo 2019 di Forbes Italia. Abbonati.
Di Raffaella Falcetta

Negli ultimi anni, anche in Italia, le società di giurilinguistica si sono affermate come partner per la crescita internazionale di studi professionali e imprese. Nell’attuale scenario globale di crescita degli investimenti diretti esteri – al quale l’Italia partecipa con una ripresa delle iniziative d’investimento transfrontaliere – gli ambienti corporate e legal si trovano a governare una nuova spinta impressa dalle operazioni con carattere di internazionalità. Chiare evidenze di questo trend sono confermate dal Legalcommunity’s research center, che per il 2017 ha registrato una crescita nelle operazioni di M&A cross-border, quantificate in circa 700 milioni rispetto all’ann...

Categoria: 

La classifica delle migliori aziende dove lavorare in Italia

(GettyImages)

Per il 18° anno consecutivo, Great Place to Work Italia ha pubblicato la classifica delle migliori aziende per le quali lavorare in Italia: i Best Workplaces Italia 2019. Sono state premiate 50 aziende che rappresentano l’eccellenza dei luoghi di lavoro in Italia, ossia gli ambienti migliori nei quali aspirare a lavorare.

La classi...

Categoria: 

Milan vs. Inter: chi vince il derby dei numeri

Il derby milanese è in programma domenica 17 marzo, alle 20.30.

Articolo tratto dal numero di marzo 2019 di Forbes Italia. Abbonati. 

L’appuntamento è il 17 marzo, quando di fronte a mezzo mondo (saranno circa 200 i paesi collegati) Milan e Inter si giocano molto più della vittoria nel 223°derby della Madonnina. In palio c’è infatti un posto in Champions League, con tutto quello che in termini di milioni di euro significa: lo scorso anno, per esempio, la conquista della Coppa ne ha portati circa 150 nelle già floride casse del Real Madrid. Due squadre che, in questa stagione hanno visto cambiare radicalmente il loro assetto societario: a ottobre Steven Zhang, plenipotenziario del gruppo cinese Suning ha liquidato l’ex socio di minoranza Erik Thoir, da luglio Paolo Scaroni è alla guida del Milan nominato dal fondo Usa Elliott che ha salvato i rossoneri ...

Categoria: 
Tags: 

Deutsche – Commerz, perché la madre di tutte le fusioni ci riguarda da vicino

La sede di Deutsche Bank a Francoforte (Shutterstock)

David Folkerts-Landau, chief economist di Deutsche Bank, ha appena dato alle stampe un report in cui sostiene che per l’Eurozona è giunto il momento di scegliere fra due sistemi: quello americano, “dove banche forti supportano pmi, famiglie e società”, e quello giapponese, “dove le banche hanno problemi di profittabilità e, di conseguenza, l’economia reale soffre”. Per carità di patria ed amor di bandiera lo studioso non cita la situazione tedesca, ove si sommano errori tipici del modello giapponese, a giudicare dai problemi delle Landesbank, mentre la scommessa di Deutsche Bank di creare un’alternativa ai banchieri Usa è miseramente andata in fumo, così come i quattrini investiti dall’istituto a Las Vegas nel tentativo ...

Categoria: 

I 500 campioni dell’imprenditoria italiana

(Getty Images)

Chi sono e cosa fanno i campioni dell’imprenditoria italiana? Si tratta delle 500 imprese italiane tra i 20 e i 120 milioni e delle 100 imprese tra i 120 e i 500 milioni di fatturato che hanno meglio performato negli anni dal 2011 al 2017 rilevati dall’indagine Champion 2019 realizzata dal Centro Studi ItalyPost, con il sostegno del gruppo Crédit Agricole e la partecipazione di auxiell, Glasford International e Equinox.

La Lombardia, con la presenza di ben 193 imprese, di cui 76 basate a Milano, 30 a Bergamo, 22 a Brescia e 16 a Como, si classifica in prima posizione come Regione co...

Categoria: 

Il modello Bain per il check-up delle banche

Alessandro Odello

Articolo tratto dal numero di marzo 2018 di Forbes Italia.

Sono passati più di dieci anni dallo shock di Lehman Brothers, l’evento forse più emblematico della crisi finanziaria globale innescata dal collasso dei mutui subprime americani. Eppure alcune tossine sono rimaste in circolo. Secondo un recente studio di Bain, società di consulenza strategica fondata nel 1973 e basata a Boston, intitolato Health check of the banking system 2018 e dedicato allo stato di salute del sistema bancario europeo, gli operatori del comparto, nel Vecchio continente e in Italia, devono ancora compiere degli sforzi, sia in termini di pulizia di bilancio sia in termini di ripensamento di alcune componenti del business model. Questo vale anche per gli operatori di maggiori dimensioni, per i quali si denota, pur a fronte di una maggiore relativa solidità patrimoniale, ancora la difficoltà a trovare un modello che superi in modo definitivo quello di “banca universale”. Forbes.i ha interpellato Alessandro Odello e Ro...

Categoria: 

Pages