Tempi.it

Fine vita. Appello al Parlamento perché non abdichi alla sua funzione

Pubblichiamo di seguito il comunicato stampa diffuso dall’Associazione Esserci per invitare il Parlamento a calendarizzare la discussione sul fine vita, in vista dell’approssimarsi della scadenza (24 settembre 2019) fissata dalla Corte costituzionale per legiferare sul tema. Esserci fa parte delle associazioni che hanno aderito a Polis Pro Persona per l’organizzazione del seminario “Diritto o condanna a morire per vite inutili?” tenutosi a Roma l’11 luglio scorso.

***

Appreso che le commissioni Giustizia e Affari sociali della Camera

Categoria: 
Fonte: 

Formigoni. L’unica parola che ci viene in mente è persecuzione

Contro Roberto Formigoni è in atto una persecuzione. Abbiamo cercato di immaginare una parola meno esplicita e più morbida di questa, ma non ce ne è venuta in mente nessuna di più adeguata: persecuzione.

Dopo una sentenza quantomeno opinabile, l’ex governatore lombardo è stato condannato a 5 anni e 10 mesi in base a una legge barbara, la spazzacorrotti, figlia del giustizialismo balordo dei grillini. Ne sono così orgogliosi che quella è l’unica norma che si sentono in grado di rivendicare (anche perché, su tutto il resto, stanno a zero. Uno zero che nessun mandato saprà mai aumentare). Quando, solo qualche mese fa, questi sciagurati si sono accorti di non aver combinato nulla (e gli elettori, infatti, li avevano pun...

Categoria: 
Fonte: 

A che punto è la causa di beatificazione di Enzo Piccinini

Pubblichiamo una relazione di aggiornamento sullo stato di avanzamento della causa di beatificazione e canonizzazione del servo di Dio Enzo Piccinini, scritta dalla postulatrice Francesca Amedea Consolini. L’annuncio dell’accettazione, da parte dell’arcivescovo di Modena Erio Castellucci, della richiesta di avvio del processo è stato dato domenica 26 maggio scorso nel Duomo di Modena, durante la Messa in occasione del ventesimo anniversario del dies natalis del chirurgo emiliano, dirigente nazionale di Comunione e Liberazione.

Alla figura di Enzo Piccinini Tempi ha dedicato la copertina del numero di maggio...

Categoria: 
Fonte: 

Quali sono le reali intenzioni di monsignor Paglia?

Caro direttore, che sofferenza! Che dolore incredulo! Che indignazione! Sono questi i sentimenti che mi hanno pervaso alla notizia che è stata bruciata in poche ore una delle opere più geniali e opportune di san Giovanni Paolo II.

Come le cronache ci hanno riferito, l’arcivescovo Vincenzo Paglia, che dovrebbe difendere vita e famiglia, dopo avere ottenuto la riforma dell’istituto voluto da Giovanni Paolo II per allargare la conoscenza della famiglia al fine di meglio difenderla, in poche ore ha epurato (copyright Matteo Matzuzzi) le menti migliori che avevano dato lustro e saggezza a quell’accademia per tanti anni.

Si tratta dei grandi teologi

Categoria: 
Fonte: 

Borrelli riposi in pace. Ma non gli perdono quel “resistere resistere resistere”

Riceviamo e pubblichiamo una lettera a proposito dell’ex procuratore capo del pool di Mani Pulite, Francesco Saverio Borrelli

Caro direttore, decantate tutte le celebrazioni per la scomparsa dell’ex procuratore capo Borrelli, da semplice cittadino che da sempre legge i giornali mi ritengo in dovere di personalmente precisare: ho sempre ritenuto osceno il triplice “resistere resistere resistere” pronunciato un grande capo della magistratura nel discorso di inaugurazione dell’anno giudiziario.

Ma resistere a chi? A tutti quelli che non hanno votato come avrebbe voluto lui. E poi quelli che la Resistenza l’hanno fatta davvero? Insultante. E come la mettiamo con tutti i militi italiani morti sul Piave? Vergogna. Poi tutto il resto è preghiera: riposi in pace.

Una persona ha commentato con ragione la morte di Borrelli, e cioè Bobo Craxi: fu autore di un colpo di stato. Al paese sono stati fatti perdere venti anni dietro una sciagurata, demenziale e soprattutto illegale guerra personale contro Berlusconi. Oltre a Borrelli e al presidente Scalfaro (ricordate la frase «bisogna che ingoi il ...

Categoria: 
Fonte: 

Ha senso andare avanti con questo governo “populista” contro il popolo? No

Pubblichiamo di seguito l’editoriale del numero di luglio 2019 di Tempi. Si tratta della risposta del direttore a una lettera giunta in redazione a inizio mese e già pubblicata (senza replica) sul sito di Tempi. Attenzione: di norma l’accesso agli articoli del mensile è riservato agli abbonati. Clicca qui per abbonarti a Tempi.

***

Caro direttore, con il Dl Crescita il governo ha approvato una norma che potrà certamente compiacere i consumatori, ma che ha una ricaduta pesantissima su alcuni settori.

In pratica hanno trasformato il credito d’imposta grazie al quale da molti anni chi fa interventi di...

Categoria: 
Fonte: 

«Anche noi, suoi amici, “abbiamo capito” la lezione di Miłosz». Lettere a Formigoni

Pubblichiamo di seguito alcune lettere giunte in redazione dopo la concessione dei domiciliari a Roberto Formigoni. Continueremo ogni mese a mandargli Tempi con una copia dei vostri messaggi. Per scrivere a Tempi: redazione@tempi.it.

Sono una mamma che ha vissuto il vostro dramma e spesso mi dico che occorre coraggio per portare avanti una battaglia anche la più semplice. Accoglienza, tutti hanno gettato fango. Mio figlio non ha retto e ora è un angelo in paradiso. Non voglio usare la parola morte, mi procura fast...

Categoria: 
Fonte: 

Il futuro del Carmelo passa dal Burundi e dal Ruanda

Amahoro! Questa volta il vostro corrispondente dal Centrafrica non vi scrive da Bangui, ma da Kigali e Bujumbura, rispettivamente le capitali del Ruanda e del Burundi, due piccoli ma popolatissimi stati africani situati nella celebre zona dei Grandi Laghi, appena sotto l’equatore. Ogni anno un paese dell’Africa francofona ospita il secondo noviziato, una formazione di tre mesi per i candidati alla professione solenne, cioè l’impegno definitivo nell’Ordine. Quest’anno è stato il turno del Burundi e sono stato invitato ad animare una sessione di una settimana. L’occasione mi ha quindi permesso di visitare una zona dell’Africa dove non ero mai stato.

La missione carmelitana in Burundi, fondata dai miei confratelli polacchi nel 1971 (lo stesso anno nel quale gli italiani arrivarono in Centrafrica), si è successivamente allargata al vicino Ruanda per il semplice motivo che il dittatore del momento, un certo Bagaza, cacciò dal paese tutti i missionari. I miei confratelli ripararono nel confinante Ruanda e ciò permise la nascita del Carmelo anche in quella terra. È quindi proprio il caso di dire che non tutto il male vien per nuocere e che Dio sa trarre del bene anche dalla prepotenz...

Categoria: 
Fonte: 

Fulton Sheen e l’inganno del Grande Umanitario

Venerdì 5 luglio papa Francesco ha autorizzato la congregazione delle Cause dei santi a promulgare il decreto riguardante la beatificazione di monsignor Fulton Sheen (1895-1979), arcivescovo titolare di Newport, nel Galles. Un annuncio passato quasi inosservato in Italia e che invece moltissimi cattolici del mondo anglosassone attendevano da tempo.

Come abbiamo scritto qualche anno fa (riprendendo un articolo del Catholic Herald), la causa di beatificazione di Fulton Sheen ha avuto una strada accidentata, ed è impossibile non sospettare che questo sia dovuto almeno in parte proprio alla sua figura ingombrante. Per necessità di semplificazione giornalistica, ma forse anche con un po’ di malizia, ci si riferisce a lui in gener...

Categoria: 
Fonte: 

La California ritira l’obbligo di violare il segreto confessionale

La California ha ritirato la proposta di legge che avrebbe costretto i sacerdoti cattolici a violare il segreto confessionale. La legge doveva essere discussa il 9 luglio in commissione alla Camera ma un rapporto parlamentare presentato il giorno precedente ha evidenziato come il testo del disegno di legge avrebbe violato il Primo emendamento della Costituzione degli Stati Uniti, che garantisce la terzietà della legge rispetto al culto e al libero esercizio della religione.

VIOLAZIONE DEL SEGRETO CONFESSIONALE

La legge, passata a maggio in prima lettura al Senato, avrebbe imposto ai sacerdoti di violare il segreto in caso di confessione riguardante abusi su un minore o “neglect”, cioè omissione dei doveri parentali. I membri del clero sono già tenuti a riferire casi sospetti di abusi sui minori, ma vige un’esenzione legale che riguarda il sacramento della Confessione.

Il senatore Jerry Hill ha deciso di ritirare la legge non solo per i già citati problemi costituzionali, ma anche per le difficoltà a farla rispettare e per la vasta opposizion...

Categoria: 
Fonte: 

Pages