ancora

Se avete ancora dubbi sull’innocenza di Pell, leggete qui

Il verdetto che ha riconosciuto colpevole George Pell di abusi sui minori, condannato in primo e secondo grado a sei anni di reclusione, è un mostro giuridico. Lo sostiene John Finnis, filosofo del Diritto dell’università cattolica di Notre Dame e professore emerito di Oxford, in una approfondita analisi della sentenza in punta di codici pubblicata su Quadrant.

Nel commento sul processo al cardinale australiano che ha fatto ricorso all’Alta corte, ripreso anche dal Foglio, Fi...

Categoria: 
Fonte: 

Il peggio deve ancora venire

I furbetti del quartierino solitamente hanno vita breve. Dimenticano una cosa importante: la furbizia non è astuzia e l’astuzia ha bisogno di maturità e buoni maestri per tradursi in intelligenza politica. I politici della vituperata Prima Repubblica (Fanfani, Moro, Andreotti, Craxi, solo per citare i più noti) non erano degli improvvisatori e conoscevano bene la macchina politica. Ciò non toglie che vi fu un governo Fanfani che durò appena 12 giorni (19 gennaio-30 gennaio 1954) segnando il record assoluto di brevità. Ma i tempi e la stoffa dei leader erano tali da non muovere di un millimetro l’asse della stabilità istituzionale a guida Dc. Tra i vertici dei partiti (Dc, Pci, Psi) e il popolo dei loro sostenitori vi era un fortissimo collante ideologico che, dopo il crollo del Muro, ha iniziato seriamente a sgretolarsi. Erano altre ere geologiche, si dirà, e al crollo del tradizionale assetto contribuì in modo brutale l’esperienza di Mani pulite.

Ricordiamo senza ipocrisia che la discesa in campo di Silvio Berlusconi rilanciò lo spirito di una nuova epoca politica suscitando la speranza di una inedita esperienza. Dopo di che, partendo dall’eurogoverno Monti che pareva molto promettere, si ...

Categoria: 
Fonte: 

Bezos vende ancora azioni Amazon: l’incasso sfiora i 3 miliardi di dollari

Bezos all’Economic Club Of New York (Drew Angerer/Getty Images)

L’uomo più ricco del mondo fa cassa. Negli ultimi tre giorni di luglio Jeff Bezos aveva reso noto alle autorità di mercato Usa la cessione di azioni Amazon per un valore di 1,8 miliardi di dollari. Solo ieri un nuovo aggiornamento, che porta il computo totale della liquidazione di Bezos a quasi 3 miliardi di dollari.

Secondo i documenti depositati ieri alla Securities and Exchange Commission (la Consob americana), nei primi due giorni di agosto Jeff Bezos avrebbe infatti venduto altre 530mila azioni Amazon. Che a un prezzo medio di 1.900 dollari per azione danno forma a un ricavo dalla vendita pari a 990 milioni di dollari, di cui, al netto delle tasse, il fondatore del più grande gruppo di e-commerce al mondo metterà in tasca 750 milioni.

Categoria: 

Macron attacca ancora Salvini e l’Italia sui migranti

Redatto da Oltre la Linea.

Salvini risponde a tono alle parole di Macron che vuole far sbarcare i migranti nel porto più vicino. L’incontro di Parigi sull’immigrazione è stato un flop, questo l’abbiamo capito tutti. Un incontro voluto da francesi e tedeschi a tutti i costi, ma che non ha portato a nulla di nuovo. L’asse franco-tedesco vuole affermare la regola del “porto sicuro più vicino”, (esclusi tutti i porti africani come Tunisi per esempio), che condannerebbero Malta e l’Italia. E non bisogna permetterlo.

In seguito a...

Categoria: 

I bambini vogliono ancora fare gli astronauti

(Shutterstock)

Ricordate gli anni ’70 e ’80? Non c’era fanciullo che alla domanda “cosa vorresti fare da grande?” non rispondesse “l’astronauta”. Passati attraverso la fase (da cui forse non si uscirà mai) dei calciatori a quella emergente degli youtuber o delle star di internet, tuta e casco da esploratori spaziali sembrano conoscere una riscoperta da parte dei bambini di tutto il mondo, forse anche per effetto della nuova corsa allo spazio lanciata da tycoon come Elon Musk e Jeff Bezos, l’intensificarsi della corsa allo spazio e il sogno di giungere a breve anche su Marte.

E’ esattamente il contrario e a confermarlo è

Categoria: 

Il governo di cui abbiamo ancora bisogno

Redatto da Oltre la Linea.

Durante queste ultime elezioni europee, abbiamo assistito al più massiccio attacco ai danni di questo governo, che è sacrosanto ricordare essere stato approvato dalla maggioranza del popolo italiano. Seppure frutto di una alleanza post-elettorale, infatti, questo si basa su di un contratto, che i cittadini hanno reputato contenere delle misure valide e volte a fermare, o perlomeno attutire e curare, il declino di questo Paese. Non incidentalmente, l’elettorato delle due forze di governo continua a ritenere positiva l’alleanza di governo.

href="https://oltrelalinea.news/2019/06/07/litalia-ha-bisogno-del-governo-lega..." title="Il governo di cui abbiamo ancora bisogno" rel="nofollow">

Redatto da Oltre la Linea.

Durante queste ultime elezioni europee, abbiamo assistito al più massiccio attacco ai danni di questo governo, che è sacrosanto ricordare essere stato approvato dalla maggioranza del popolo italiano. Seppure frutto di una alleanza post-elettorale, infatti, questo si basa su di un contratto, che i cittadini hanno reputato contenere delle misure valide e volte a fermare, o perlomeno attutire e curare, il declino di questo Paese. Non incidentalmente, l’elettorato delle due forze di governo continua a ritenere positiva l’alleanza di governo.

https://oltrelalinea.news/wp-conten...

Categoria: 

+Europa torna a casa: ancora sotto la soglia di sbarramento

Redatto da Oltre la Linea.

+Europa proprio non ci riesce, è più forte di lei. Il partito fondato da Emma Bonino sbaglia ancora, e proprio in casa, in Europa. Il risultato è così ridicolo e meraviglioso che stiamo scrivendo questo articolo col sorriso.

Non solo assistiamo al trionfo della Lega e all’avanzata di Fratelli d’Italia, ma osserviamo anche la completa disfatta di partiti come +Europa, (3,1%) Europa Verde (2,3%) e La Sinistra (1,7%). Ora lasciamo ai grandi giornalisti italiani il compito di snaturare l’esattezza...

Categoria: 

Sovranismo: possiamo cambiare verso, non ancora la storia

Redatto da Oltre la Linea.

Il sovranismo europeo se la giocherà quasi alla pari con l’europeismo spinto. Ma non facciamoci illusioni, le possibilità di ottenere una maggioranza nell’assemblea continentale sono praticamente nulle.

Popolari, socialisti e liberali saranno ancora la voce maggioritaria, salvo sorprese veramente imprevedibili. In tutto ciò, quasi nessuno menziona il fatto che ciò che andi...

Categoria: 

Pages