campagna

A che serve una campagna elettorale a Salvini quando ha già Saviano e Repubblica?

Pur essendo un accanito odiatore interessato solamente a diffondere il veleno del risentimento con tutti i mezzi possibili, compresa la calunnia, anzi, soprattutto la calunnia, il Correttore di bozze sa ancora riconoscere un atto di generosità disinteressata. Perciò oggi, invece di sprecare un’altra giornata della sua già dilapidata vita a trollare le bacheche social delle persone perbene, quell’infame sente il dovere di mettere nero su bianco un sentito ringraziamento – udite udite – alla famiglia De Benedetti.

Intendiamoci, il Correttore continua a pensare tutto il peggio di una famiglia che ha fatto così tanto per inoculare e coltivare il virus della democrazia nell’italiano medio. E però, a conti fatti, non si può non esserle riconoscenti per la decisione di seccare Mario Calabresi e rimpiazzarlo con Carlo Verdelli. Con il nuovo direttore, infatti, Repubblica ha ritrovato una faziosità che non si...

Categoria: 
Fonte: 

La vergognosa campagna mediatica liberal contro Tulsi Gabbard

Redatto da Oltre la Linea.

Ciò che era ampiamente prevedibile, sta succedendo in queste ore. Tulsi Gabbard, candidata alle primarie del Partito Democratico Usa, è la vera spina del fianco dell’élite della Politica estera americana. Favorevole al disimpegno americano dai teatri di guerra e contraria alla fallimentare strategia dell’egemonia liberale a guida americana, Gabbard è finita nel tritacarne dei media liberal che in queste ore l’hanno vergognosamente calunniata in tutte le maniere possibili. Il quotidiano israeliano https://www.haaretz.com/us-news/.premium-how-tulsi-gabbard-unites-bloods......

Categoria: