fascettaonesta

Il fenomeno #Fascettaonesta: bugie e verità del marketing editoriale

Redatto da Oltre la Linea.

Sulla copertina del romanzo dell’autore irlandese Sean O’Casey, nell’edizione italiana del 1945 pubblicata dalla ormai defunta casa editrice Rosa e Ballo Editori, capeggiava a caratteri rossi accesi la scritta “I libri proibiti dai fascisti”. Totalmente falso: O’Casey non fu mai censurato dal regime fascista, né lo furono altri autori irlandesi, le cui ideologie anti-britanniche erano anzi ben accette da Mussolini.

Non giriamoci troppo intorno: i libri, al netto dell’aura di romanticismo che noi bibliofili gli dipingiamo, sono prodotti, e dunque si devono vendere. In un mercato come quello...

Categoria: