grillini

Anche Rousseau elogiava l’ignoranza (e i suoi fan grillini l’hanno preso sul serio)

Articolo tratto dal numero di Tempi di aprile 2019 (abbonati subito!)

Mio caro Malacoda, un caro nemico mi ha regalato questa chicca di Gian Giacomo Rousseau, il filosofo franco-ginevrino a cui è intestata la piattaforma omonima del Movimento 5 Stelle alias Casaleggio & Associati: quel luogo etereo e virtuale, la mitica Rete, dove si teorizza che “uno vale uno”; e allora non si capisce perché non l’hanno chiamata così, intestandola invece al pensatore illuminista solitario e radicale, il quale evidentemente qualcosa più di “uno” vale.

Nel suo Discorso sulle scienze e sulle arti Rousseau – che come i pentastellati aveva un’alta opinione di sé: si proclamava infatti «cristiano, e sinceramente cristiano» e si vantava di essere «il solo autore del mio secolo, e di molti altri, che abbia scritto in buona fede, e che non abbia detto nulla se non ciò in cui credeva», enfasi che gli procurò gli appellat...

Categoria: 
Fonte: