miliardaria

L’Inter entra nell’arena miliardaria degli eSports. E “sfida” Totti, Neymar e Ronaldinho

shutterstock

Dopo l’entrata in scena di diverse società di calcio italiane (Atalanta e Udinese proprio negli ultimi giorni), anche l’Inter ha deciso di fare il suo ingresso negli eSports, il mondo tecno-sportivo che ruota intorno alle competizioni di videogiochi di livello professionistico. Come dimostra il video pubblicato sui canali social del club (in cui il testimonial è il giovane difensore Alessandro Bastoni), la società nerazzurra ha ufficializzato la formazione della propria squadra di eSports: l’Inter | QLASH.

Da quanto si evince dal nome della squadra, per la sua nascita è stata fondamentale la collaborazione con

Categoria: 

Da insegnante a miliardaria dell’e-commerce, storia di Tatyana Bakalchuk

(Shuttestock)

Prima di Tatyana Bakalchuk l’unica altra donna russa a essere mai diventata miliardaria è stata la moglie di un ex sindaco di Mosca. Una storia molto diversa da quella di questa donna di 44 anni, diventata improvvisamente popolare negli ultimi mesi grazie a un e-commerce di nome Wildberries portato avanti con caparbietà e silenzioso impegno quotidi...

Categoria: 

Da operaia con un figlio a carico a miliardaria, storia di Diane Hendricks

Il Wisconsin probabilmente non è il primo posto a cui si pensa facendo riferimento agli Stati Uniti, nonostante sia stato scenario della celebre serie televisiva Happy Days e per gli sportivi ci siano due riferimenti come i Green Bay Packers nel football e i Milwaukee Bucks nel basket. Nonostante questo nell’ambiente del business il nome del Wisconsin ha probabilmente acquisito un’importanza sempre più rilevante grazie alla figlia di una coppia di allevatori che dopo una di quelle adolescenze che ti fanno diventare adulto troppo presto è riuscita a costruire con il marito un impero di nome ABC Supply. Non solo, perché Diane Hendricks è numero 1 della classifica di Forbes “America’s Self-Made Women 2019” e ad oggi il suo patrimonio sfiora gli 8 miliardi di dollari.

Difficile ritrovare in qualche altra storia la combinazione di fattori che hanno portato Diane dall’essere madre poco prima della maggiore età al diventare una delle donne più ricche del mondo. Nata nel 1947, cresce insieme alle altre 8 sorelle in un contesto famigliare in cui certi pregiudizi sono duri a scomparire. Così, secondo il padre, le donne non sono adatte ai lavori legati a una fattoria, ma devono occuparsi delle faccende di ...

Categoria: 

Da segretaria a miliardaria: storia di Gayle Benson tra fede e tenacia

Gayle Benson (Jonathan Bachman/Getty Images)

di Francesco Nasato

Gayle Benson divide. Da sempre. Spacca a metà le opinioni e i giudizi senza vie di mezzo: bianco o nero, persona integra o spudorata manipolatrice. Si parla così di lei a corrente alternata, senza che una parte prenda il sopravvento sull’altra, almeno pubblicamente. Gli schieramenti sono però definiti. New Orleans, la città in cui è nata nel 1947, anche se qualcuno dice 1950, e in cui vive da sempre può essere un ottimo esempio. I tifosi dei Saints, football NFL, e dei Pelicans, franchigia della NBA in cui da questa stagione giocherà anche l’italiano Nicolò Melli, ass...

Categoria: 

Due italiani nella cover story di Forbes Usa: sarà loro la prossima startup miliardaria?

Augusto Marietti (a sinistra) e Marco Palladino, co-fondatori di Kong.

L’edizione internazionale di Forbes ha pubblicato la quinta edizione della Netx Billion-Dollar Startups, una lista di 25 possibili startup che potrebbero diventare unicorni, cioè società non quotate che superano il miliardo di dollari di valutazione. Grazie all’aiuto di TrueBridge Capital Partners, sono state analizzate oltre 150 startup che hanno attività negli Usa per scovare gli “unicorni in erba”. Tra di loro, oltre al servizio di food delivery DoorDash, alla società di real estate Opendoor, al brand di valigie Away e all’azienda di biotech Ginkgo Bioworks, ce n’è anche una, Kong, fondata da due italiani: Augusto Marietti e

Categoria: