miliardi

Il dito da 100 milioni e la Luna da 70 miliardi

«Così muore la libertà: sotto scroscianti applausi» è il testo del cartello che alcuni parlamentari di +Europa hanno esposto fuori dalla Camera dei deputati nel giorno in cui i loro colleghi hanno votato, con maggioranza bulgara, la “riduzione” di se stessi. Una volta tanto, ai radicali/boniniani non si può dare torto. La riforma è stata approvata con 553 sì, 2 astenuti e 14 no (tra di loro, i 3 di +Europa e i 4 deputati di Noi con l’Italia guidati da Maurizio Lupi).

0,007 per cento

Beninteso, come abbiamo già scritto, una riduzione del numero dei parlamentari non è di per sé una cattiva notizia (il Congresso statunitense conta 535 membri, i nostri erano 945), il problema è il motivo per cui è stato fatto. Perché se la motivazione è il “risparmio” tanto sbandierato dai grillini, ci stiamo prendendo in giro: stiamo parlando di un centinaio di milioni l’anno (lo 0,007 per cento della spesa pubblica), a fronte di una diminuzione significativa ...

Categoria: 
Fonte: 

Cambiamenti climatici: servono 1.800 miliardi per adattarsi. E per guadagnarne altri 7mila

“Il cambiamento climatico è una delle maggiori minacce per l’umanità, con impatti di vasta portata sulle persone, sull’ambiente e sull’economia. Gli impatti climatici colpiscono tutte le regioni del mondo e attraversano tutti i settori della società. Le persone che hanno fatto il minimo per causare il problema, specialmente quelle che vivono in condizioni di povertà e fragili, sono maggiormente a rischio.”

Inizia così la presentazione del report realizzato dalla Global Commission on Adaptation (GCA), la commissione formata da 34 leader mondiali nei settori della politica, dell’economia e della scienza e guidata dall’ex segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon, dall’amministratore delegato della Banca mondiale Kristalina Georgieva e dal co-fondatore di Microsoft Bill Gates.

Nello stu...

Categoria: 

Un fondo europeo da 100 miliardi per competere con Usa e Cina

Ursula von der Leyen. (Photo by Sean Gallup/Getty Images)

Come riportato dal Financial Times, Bruxelles sta valutando la possibilità di lanciare un fondo sovrano da € 100 miliardi per finanziare le imprese europee per competere con i big statunitensi e cinesi come Apple, Google e Alibaba. L’obiettivo dell’European Future Fund è proprio quello di rafforzare il ruolo del Vecchio Continente sul fronte delle grandi sfide tecnologiche, economiche e sociali che al momento sono quasi esclusivamente appannaggio di Usa e Cina.

Nel documento visionati dal Financial Times vengono infatti nominate le società tecnologiche statunitensi conosciute come “Gafa” (Google, Apple, Facebook e A...

Categoria: 

Il co-fondatore di Alibaba pronto a spendere miliardi per i Brooklyn Nets

Il Barclays Center a New York (Foto: Shutterstock)

Joseph Tsai, vice presidente e co-fondatore di Alibaba insieme a Jack Ma, è pronto ad acquistare i Brooklyn Nets e il loro stadio per la cifra record di 3,3 miliardi di dollari complessivi.

A dare la notizia per primo è stato il New York Post secondo il quale nei giorni scorsi c’è stata un’accelerata nelle trattative e Tsai sarebbe pronto a chiudere l’operazione sia

Categoria: 

Privacy e Gdpr, chi guadagna da un’industria che vale miliardi di dollari

(Shutterstock)

Quando nell’aprile del 2016 l’Unione Europea adottò il Gdpr, sembrava si fosse scatenata una nuova corsa all’oro che suscitò l’euforia di migliaia di professionisti e imprese che si buttarono a capofitto nel mondo della privacy con l’obiettivo di sfruttarne quelle che parevano irrinunciabili opportunità che si prospettavano all’orizzonte.

Fu così che in quel periodo iniziarono a fiorire sul mercato un’infinità di proposte con software per la gestione degli adempimenti aziendali, servizi di consulenza per l’adeguamento alle nuove regole sulla privacy, nonchè innumerevoli corsi di formazione e certificazioni per esperti della materia.

Passato però il 25 maggio 2018, scadenza entro la quale aziende e pubbliche amministrazioni avrebbero dovuto conformarsi al nuovo regolamento dell’UE, in questi ultimi mesi la risonanza che aveva contraddistinto il “fenomeno Gdpr” sembra essersi adesso attenu...

Categoria: 

Bezos vende ancora azioni Amazon: l’incasso sfiora i 3 miliardi di dollari

Bezos all’Economic Club Of New York (Drew Angerer/Getty Images)

L’uomo più ricco del mondo fa cassa. Negli ultimi tre giorni di luglio Jeff Bezos aveva reso noto alle autorità di mercato Usa la cessione di azioni Amazon per un valore di 1,8 miliardi di dollari. Solo ieri un nuovo aggiornamento, che porta il computo totale della liquidazione di Bezos a quasi 3 miliardi di dollari.

Secondo i documenti depositati ieri alla Securities and Exchange Commission (la Consob americana), nei primi due giorni di agosto Jeff Bezos avrebbe infatti venduto altre 530mila azioni Amazon. Che a un prezzo medio di 1.900 dollari per azione danno forma a un ricavo dalla vendita pari a 990 milioni di dollari, di cui, al netto delle tasse, il fondatore del più grande gruppo di e-commerce al mondo metterà in tasca 750 milioni.

Categoria: 

Pages