notizie

Pinterest sbarca in Borsa: perché potrebbe non essere la solita Ipo tech

Ben Silbermann, co-founder e ceo di Pinterest. (Photo by Roger Kisby/Getty Images for Pinterest)

Oggi, giovedì 18 aprile, le azioni del social media Pinterest debuttano in Borsa a Wall Street a un prezzo di 19 dollari. La società potrebbe così avere una capitalizzazione di circa 12 miliardi.

Dopo la quotazione di Lyft di marzo, quella di Pinterest – insieme a Uber, Airbnb e altri unicorni – è una delle Ipo più attese del 2019. A prima vista, notano David Trainer e la società Great Speculations per Forbes.com, quella dell’azienda fondata da Ben Silbermann, Evan Sharp e Paul Sciarra assomiglia a tante altre recenti quotazioni rischiose: zero profitti, azioni di due categorie diverse (le A destinate al pubblico e le B destinate agli insider con diri...

Categoria: 

Altro che “europeista”, è l’Ajax del sovranismo

Redatto da Oltre la Linea.

Un certo tipo di europeismo potrebbe essere curato al SerT. È diventato, infatti, quasi una vera e propria droga che, oltre a creare dipendenza, è capace di far vivere a chi lo sperimenta mondi paralleli, fargli assumere comportamenti deliranti e gettarlo in preda alle allucinazioni. L’ultima follia arriva dalle colonne del Corriere della Sera e vede protagonista la sconfitta della Juventus contro l’Ajax, costatale l’eliminazione dalla Champions League.

Di lì il delirio: “https://www.corriere.it/sport/calcio/coppe/2018-2019/champions/notizie/j......

Categoria: 

Quelllo che i top manager non dicono…lo legge un nuovo software per investire

Il floor del New York Stock Exchange (Photo by Drew Angerer/Getty Images)

È un software che funziona in modo quasi poliziesco: scopre quello che gli amministratori delegati non possono o non vogliono dire, quando si nascondono dietro giri di parole o termini vaghi per non turbare gli azionisti. Analizzando una quantità spropositata di materiale informativo – tweet, dichiarazioni pubbliche, report trimestrali e trascrizioni – questo software punta a cogliere dettagli preziosi per gli investitori, fornendogli un importante vantaggio sui concorrenti. È un lavoro che fanno già moltissimi analisti in carne ed ossa. Ma si sa, l’essere umano tende a st...

Categoria: 

Più regole uguale meno corruzione? «Non è vero»

Da anni questo giornale sostiene che pensare di battere la corruzione aumentando le regole è un boomerang. Le leggi esistono già, il problema è semplificare le procedure, non aumentarle o prevedere autorità (leggi Anac) che controllino tali procedure. Infatti, il risultato paradossale non è la diminuzione della corruzione, ma il suo aumento.

Gara a ostacoli

Il concetto è stato ribadito questa mattina dal ministro della Pubblica amministrazione Giulia Bongiorno che è intervenuta a Radio 24. Rispondendo alle domande di Maria Lat...

Categoria: 
Fonte: 

Mastercard rischia la più grande class action della storia britannica

Mastercard ha presentato il suo nuovo logo durante un evento nell’ambito del CES 2019 (Bryan Steffy/Getty Images for Mastercard)

Quattordici miliardi di sterline è l’importo complessivo che Mastercard, uno dei marchi più noti tra le società di carte di credito, potrebbe essere tenuta a risarcire a 46 milioni di cittadini inglesi per quella che è già stata definita la più grande class action della storia legale del Regno Unito.

Mastercard potrebbe dover rimborsare 300 sterline ad ogni cittadino inglese

L’accusa, riportata dai media britannici, è quella di aver imposto commissioni occulte a tutti i consumatori, anche ai non utenti Mastercad, i quali avrebbero pagato prezzi più elevati nei negozi per un periodo di 16 anni.

In prima battuta, due anni fa, l’is...

Categoria: 

Pages