notizie

Che fine ha fatto tutta quella bella gente lombarda che s’è goduta 18 anni di Formigoni?

Pubblichiamo il commento di Giuliano Ferrara sulla condanna di Roberto Formigoni apparso sul Foglio di ieri, sabato 23 febbraio.

Chi è entrato ieri mattina nel carcere di Bollate, Milano? A leggere i giornali sembra che sia un tipo bizzarro nei colori delle giacche che indossa, e delle magliette, un vacanziero impenitente che si tuffava da uno yacht in Sardegna nell’acqua sempre più blu, un cattolico anche un po’ bigotto che predicava bene e razzol...

Categoria: 
Fonte: 

La farsa del #MeToo: perché la guerra fra sessi è inutile

Redatto da Oltre la Linea.

Diceva il filosofo Costanzo Preve: «Laddove la guerra fra le classi disturbava pur sempre l’economia, la guerra fra i sessi non la disturba affatto», dal momento in cui «la correlata diminuzione della solidarietà fra maschi e femmine» è esattamente uno degli obiettivi del sistema capitalistico.

Lo ha sottolineato anche Giulio Trevisani: parlando delle «due concezioni» con cui si è storicamente delineata la questione femminile, ha infatti affermato che quella «borghese [è] caratterizzata dalle rivendicazioni delle donne della borghesia, che si sforzano di raggiungere la parità di diritti con gli uomini», mentre «la seconda, proletaria, [è] caratterizzata dalla consapevolezza che non basta...

Categoria: 

Formigoni. C’è un compito per tutti gli amici

Non chiedeteci di rispettare una sentenza che riteniamo ingiusta. Sebbene l’ex governatore della Lombardia Roberto Formigoni sia stato condannato con pena definitiva a 5 anni e 10 mesi, per noi non è un corrotto, per il semplice fatto che di questa corruzione non c’è evidenza.

Tante volte, e anche di recente, abbiamo sollevato dubbi su un processo che fa acqua da tutte le parti. Non ci sono tangenti, non ci sono passaggi di denaro, i conti di Formigoni sono stati esaminati a fondo e non è stato trovato un euro fuori posto. Nessun atto amministrativo è stato compiuto per portare a lui e solo a lui un beneficio. Esistono delibere approvate all’unanimità, persi...

Categoria: 
Fonte: 

Salvini su Juncker: “dopo il 27 maggio non sarai più niente!”

Redatto da Oltre la Linea.

Non usa mezzi termini Matteo Salvini nei confronti del Presidente della Commissione Europea Jean-Claude Juncker: “dal 27 maggio (data delle prossime elezioni europee) non sarà più niente”.

Il botta e riposta tra il Ministro degli Interni e il burocrate europeo è scattato dopo che, quest’ultimo, ha espresso dubbi sull’attuale Legge di Bilancio approvata dal governo giallo-verde, intimando la necessità di una manovra correttiva.

Un ripensamento in tal senso non è nelle idee di Matteo Salvini, il quale ha affermato “stiamo parlando del nulla”. Lo st...

Categoria: 

“Così la sinistra dava le case popolari agli immigrati”

Redatto da Oltre la Linea.

Per anni, a Sesto S.Giovanni, i cittadini italiani si sono visti superare delle graduatorie per l’assegnazione delle case popolari dagli immigrati. C’era chi, infatti, sosteneva non fosse possibile «premiare» i cittadini italiani e garantire loro un diritto sacrosanto – a discapito di chi cittadino non lo è.

Ma da quando il centro-destra ha vinto le elezioni e il posto di assessore lo ha occupato Claudio D’Amico, la situazione si è capovolta. A dimostrazione che, negli anni precedenti, ciò che mancava era la volontà politica. Null’altro. A dimostrarlo sono i numeri. «Nel 2016 la sinistra aveva assegnato 32 alloggi, di cui 29 a stranieri», spiega D’Amico al

Categoria: 

A destra la cultura è viva, parola di Christian Raimo

Redatto da Oltre la Linea.

E fu così che in un pomeriggio di febbraio, dopo un semplice post su Facebook, crollò come un castello di carte il mito dell’Untermensch di destra, privo di cultura, intellettualmente senza spessore e, soprattutto, immeritevole di ottenere spazio nel dibattito pubblico, rilegato nell’eterna fogna tanto cara a certi slogan.

L’occasione per riflettere sul successo dell’offer...

Categoria: 

Perché il nazionalismo fa paura alle élite cosmopolite

Redatto da Oltre la Linea.

John B. Judis, The Nationalist Revival: Trade, Immigration, and The Revolt Against Globalization (New York: Columbia Global Reports, 2018), 157 pagine, $ 15,99.

La globalizzazione economica si è trovata in difficoltà un decennio fa con la crisi che chiamiamo grande recessione. Il transnazionalismo politico, sia quello dell’Unione europea, che quello della “rivoluzione democratica globale” di George W. Bush, ha lasciato allo stesso modo solo disillusione. Il ritorno del ...

Categoria: 

Rompicapo Europee (la Lega gode, il M5s è nei guai)

A dar retta ai sondaggi, si preannunciano grandi cambiamenti nella composizione del prossimo parlamento europeo. Si vota a fine maggio ed è molto probabile che, per la prima volta nella sua storia, non si potrà dare vita a una maggioranza composta da socialisti e popolari. Questo, almeno, a dar retta a un sondaggio commissionato dalla società Kantar Public e reso noto l’altro giorno. Una rilevazione interessante che fa balzare all’occhio due questioni importanti anche per la politica domestica italiana: la prima, la Lega sarà il secondo partito più rappresentato a Bruxelles (27 seggi), secondo solo alla Cdu tedesca (29). La seconda, il M5s non ha una casa e rischia l’irrilevanza.

Ppe ago della bilancia

Vediamo, innanzitutto, i dati. Il partito popolare – cui, in Italia, aderisce Forza Italia – dovrebbe perdere 34 seggi (da 217 a 183), il Psde (cui aderisce il Pd) 51 (da 186 a 135). Se così fosse, poiché la maggioranza è di 353 seggi su 705, ciò significherebbe che, all’interno del parlamento, essa andrebbe trovata seguendo altre combinazioni. Quali? Qui c’è il primo inghippo, nel senso che, rimanendo il Ppe il gruppo più numeroso, esso si ...

Categoria: 
Fonte: 

Saviano, ormai è una fissazione: “dedico Orso d’Argento alle ONG”

Redatto da Oltre la Linea.

Avrebbe potuto ringraziare chi lotta seriamente contro la mafia. Parlare di chi lo fa giorno per giorno, rischiando la pelle lontano dai riflettori che illuminano la sala del Theater am Potsdamer Platz, sede rituale del Festival del cinema di Berlino. Non lo ha fatto – limitandosi ad un vago grazie ai “maestri di strada” – Roberto Saviano, che, in seguito all’Orso d’Argento ricevuto per la miglior sceneggiatura a “La paranza dei bambini”, ci ha tenuto invece a ringraziare per prime le ONG che operano nel Mediterraneo.

Un’immagine...

Categoria: 

Pages