oriente

Gepolitica del Sacro in Medio Oriente

Redatto da Oltre la Linea.

Nel Medio Oriente vive una categoria della Geopolitica completamente scomparsa nel dibattito occidentale, quella del Sacro. Non stiamo parlando unicamente del Katechon, la forza frenante di Karl Schmitt e Aleksander Dugin, ma di un vero e proprio ritorno rampante del Sacro nella vita di tutti i giorni.

La scomparsa del sacro

Per gli osservatori occidentali il sacro è un qualcosa di misterioso e sconosciuto. Dopotutto cosa possiamo aspettarci da anali...

Categoria: 

La politica di Trump in Medio Oriente manca di realismo. Parla Paul Pillar

Redatto da Oltre la Linea.

Il realismo in politica estera riconosce che tutte le nazioni hanno alcuni interessi che coincidono, e altri che contrastano, quelli di un altro paese. Una politica estera americana basata sul realismo vedrebbe tutti i paesi come potenziali obiettivi da agganciare e influenzare affinché le loro politiche siano più congeniali all’interesse nazionale americani. Alcuni paesi ovviamente hanno più cose in comune con gli Stati Uniti di altri, ma nella prospettiva realista questa è più una differenza di gradi ed enfasi che una rigida divisione tra amici e nemici.

Una politica estera non realista può basarsi su questa rigida divisione, off...

Categoria: 

«Cent’anni dopo il genocidio armeno, noi cristiani d’Oriente ne subiamo un altro»

«Noi non abbiamo bisogno di parole vane. Noi rischiamo di vedere sparire la nostra civiltà». È l’appello lanciato a Parigi da monsignor Nicodemus Daoud Sharaf, arcivescovo siriaco ortodosso di Mosul. Insieme a una trentina di responsabili religiosi e politici provenienti da Siria, Libano, Iraq, Egitto e Giordania, ha partecipato l’11 dicembre nella capitale francese a un convegno per dire “Basta alle discriminazioni verso i cristiani e le minoranze in Oriente, Yazidi compresi”.

Tra gli interventi più drammatici, come riportato da Aed, c’è quello di monsignor Sharaf:

«È difficile riassumere quello che il nostro popolo subisce da oltre 15 anni. I cristiani d’Oriente sono marginalizzati. Le persecuzioni contro i cristiani esistono. L’Oriente si dissolverà se i cristiani spariranno da questa terra. Subiamo sofferenze senza nome: siamo vittime di un genocidio. Di un nuovo genocidio, cento anni dopo quello degli armeni. Noi subiamo un genocidio e il mondo resta a guardare. Questa...

Categoria: 
Fonte: