pedofilia

Pedofilia e castrazione chimica in Alabama, svolta storica

Redatto da Oltre la Linea.

Montgomery, 11 giugno 2019. Kay Ivey firma la legge sulla castrazione chimica in Alabama. E’ la prima volta nella storia. I condannati per reati sessuali contro i minori di 13 anni avranno l’obbligo di essere sottoposti a proprie spese al trattamento un mese prima della loro scarcerazione. Tutto questo fino a che una corte non lo riterrà più necessario. https://edition.cnn.com/2019/06/10/politics/chemical-castraction-alabama......

Categoria: 

Chiesa e pedofilia: gli appunti di Benedetto XVI una lettura imprescindibile

È quasi inutile sottolineare che la riflessione di Benedetto XVI sulla pedofilia nella Chiesa e sulla crisi della fede a essa legata è la lettura imprescindibile di oggi – e dei giorni a venire, perché quegli «appunti» sono da leggere, rileggere, studiare, meditare.

Il testo integrale in italiano è stato pubblicato in esclusiva nel sito del Corriere della Sera, e sarà proposto in tedesco dal mensile Klersublatt. Il Papa emerito spiega di avere steso queste note in vista della riunione dei presidenti di tutte le conferenze episcopali del mondo che si è tenuta in Vaticano dal 21 al 24 febbraio scorsi, con a tema proprio l’emergenza pedofilia.

La riflessione di Benedetto XVI va assolutamente trattenuta nella sua interezza – su questo ci permettiamo di insistere – anche per superare le riduzioni che prevedibilmente ne verranno presto fatte, ad uso e c...

Categoria: 
Fonte: 

Pedofilia. Le voci sulla condanna del cardinale Pell in un clima da «caccia alle streghe»

Secondo indiscrezioni avvalorate da più organi di stampa (vedi Vatican Insider, per fare un esempio italiano), martedì 11 dicembre il cardinale australiano George Pell sarebbe stato condannato a Melbourne per abusi sessuali su minori compiuti negli anni Novanta, quando era arcivescovo della città. La notizia, in caso di conferma, ma forse anche in caso di mancata conferma, avrebbe un peso molto rilevante, poiché Pell è il “ministro dell’Economia” del Vaticano (prefetto della segreteria per l’Economia della Santa Sede), scelto da papa Francesco per prendere in mano uno dei dossier più importanti del suo pontificato, la gestione delle “sacre finanze” appunto, e si trova in Australia da oltre un anno, con permesso speciale accordato da Bergoglio in persona, proprio per liberarsi davanti alla giustizia di accuse così infamanti.

Per di più, il porporato australiano ha fatto parte fino a ieri del circolo più stretto di collabo...

Categoria: 
Fonte: