repubblica

Alla scoperta della Repubblica Dominicana, tra cultura e un’economia in crescita

Articolo di Antonio Leggieri tratto da Forbes di dicembre 2019. Abbonati

Mentre cammini per la Calle Las Damas, così chiamata perché María de Toledo e le sue dame di corte usavano passeggiarvi la sera, ti rendi conto che sei sulla prima strada lastricata del Nuovo Mondo. Volti lo sguardo e ti trovi di fronte alla facciata di Nostra Signora dell’Incarnazione, la prima diocesi d’America. La cattedrale, una delle tante istituzioni pionieristiche di Santo Domingo, fu consacrata nel 1541, cinquant’anni dopo lo sbarco di Cristoforo Colombo; per la futura Repubblica Dominicana, l’esploratore scelse un nome di battesimo simbolico: chiamò quella terra vergine La Isabela, in onore della sovrana Isabella di Castiglia, finanziatrice del suo viaggio di scoperta. A vederla oggi, la basilica mariana fa tenerezza, con le sue volte a crociera che all’epoca – se paragonate alle architetture gotiche strabilianti del Vecchio Continente – erano una scelta ardita, quasi spregiudicata per un mondo appena sco...

Categoria: 

La blockchain al servizio del cittadino, il modello della Repubblica del Titano

Articolo tratto dal numero di ottobre di Forbes

Innovare per la Repubblica di San Marino, non è solo uno slogan, ma una chiara strategia politica, economica e sociale che attira progetti e investimenti grazie all’accorpamento delle funzioni, a un dialogo aperto con le istituzioni e alla snellezza amministrativa che agevola e velocizza i progetti. San Marino Innovation, società di proprietà dello Stato guidata da Sergio Mottola, presidente, ad e direttore del Comitato scientifico, è il motore di avviamento: l’istituto che mette a terra la strategia, ne delinea le linee guida dando garanzia di corretta esecuzione.

Categoria: 

L’osceno articolo di Repubblica contro Giorgia Meloni

Redatto da Oltre la Linea.

Francesco Merlo, editorialista di Repubblica, ha scritto un articolo vergognoso contro la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni. Altro che odio sul web e fake news: se volete leggere l’odio dei sedicenti intellettuali di «sinistra» contro Giorgia Meloni l’articolo di Merlo apparso su «Repubblica» (e chi se no) fa al caso vostro. Roba da conati di vomito per la tracotanza insopportabile di questi «giornalisti» che si credono Dio in terra. ...

Categoria: 

Festa della Repubblica, le Forze Armate sfilano al completo

Redatto da Oltre la Linea.

La Repubblica italiana in Festa

Il consueto appuntamento ai Fori Imperiali per la Festa della Repubblica del 2 giugno 2019 si è aperto all’insegna dell’inclusione nelle Forze Armate per volontà del Ministro della Difesa Elisabetta Trenta. La parata è cominciata con l’arrivo di circa trecento sindaci dei comuni italiani, mentre per i militari i primi a comparire sono stati quelli della banda centrale dei Carabinieri, seguiti dalle bandiere delle Forze Armate, sorrette dai rispettivi ufficiali.

I veicoli si sono fermati davanti al palco presidenziale, mentre il tricolore della

Categoria: 

Repubblica commemora un jihadista.

Redatto da Oltre la Linea.

Oggi, Repubblica e i vari bollettini stampa dello straniero hanno inaugurato la giornata commemorando la morte di Abdel Basset al-Sarout, un jihadista. Ucciso dall’esercito siriano durante un’operazione di bonifica a nord della provincia di Hama.

Promessa del calcio siriano ed ex portiere della Nazionale giovanile“. “Una carriera radiosa interrotta troppo precocemente, all’età di 27 anni“. Questo il tenore degli articoli. Una beatificazione vomitevole che non si vedeva dal necrologio funebre in onore di

Categoria: 

A che serve una campagna elettorale a Salvini quando ha già Saviano e Repubblica?

Pur essendo un accanito odiatore interessato solamente a diffondere il veleno del risentimento con tutti i mezzi possibili, compresa la calunnia, anzi, soprattutto la calunnia, il Correttore di bozze sa ancora riconoscere un atto di generosità disinteressata. Perciò oggi, invece di sprecare un’altra giornata della sua già dilapidata vita a trollare le bacheche social delle persone perbene, quell’infame sente il dovere di mettere nero su bianco un sentito ringraziamento – udite udite – alla famiglia De Benedetti.

Intendiamoci, il Correttore continua a pensare tutto il peggio di una famiglia che ha fatto così tanto per inoculare e coltivare il virus della democrazia nell’italiano medio. E però, a conti fatti, non si può non esserle riconoscenti per la decisione di seccare Mario Calabresi e rimpiazzarlo con Carlo Verdelli. Con il nuovo direttore, infatti, Repubblica ha ritrovato una faziosità che non si...

Categoria: 
Fonte: