rinuncia

Rischio flop: il Tesoro verso la rinuncia al Btp Italia?

(Shutterstock)

Il Tesoro molto probabilmente non emetterà un nuovo Btp Italia prima dell’estate, riferisce Reuters sulla base di indiscrezioni in arrivo da via XX Settembre. Sarebbe la prima volta dal 2012, da quando cioè, all’apice della crisi del debito, il Mef ha giocato la carta della fiducia che i titoli di Stato riscuotono presso i risparmiatori. Ma a novembre, nel momento più caldo della sfida del nuovo governo alle regole europee, il Tesoro ha rischiato un clamoroso flop: in tre giorni furono raccolti presso il pubblico solo 863 milioni, contro gli oltre 4 miliardi dell’emissione precedente.

Di qui la scelta, per ora non ufficiale, di evitare un possibile, se non probabile fallimento dell’offerta al pubblico nel caso che dalle urne europee emerga un quadro politico in aperto conflitto con Bruxelles, nel caso non riesca lo sfondamento da parte dei sovranisti che non em...

Categoria: 

Benedetto XVI e la forza virile di una rinuncia

L’11 febbraio 2013 Benedetto XVI annunciò in latino la sua volontà di lasciare il ministero petrino alla fine di quello stesso mese (come fece, infatti, il 28 febbraio). L’annuncio fu dato lo stesso giorno della canonizzazione dei martiri di Otranto, e non fu un caso. Sei anni dopo quel gesto, è ancora necessario fare uno sforzo per comprenderne la portata e le ragioni, oltre a quelle da lui stesso fornite.

In particolare, meritano di essere riletti passaggi di alcune interviste che Tempi realizzò dopo l’annuncio del Pontefice. La prima, quella al filosofo francese Fabrice Hadjadj (

Categoria: 
Fonte: