scuola

Questi tre ventenni vogliono rivoluzionare la scuola con un’app

Questo articolo è apparso sul numero di ottobre di Forbes. Abbonati

Il periodo degli studi è stato spesso terreno fertile per la nascita di una startup. Basti pensare alla storia di Facebook: nel 2004 Mark Zuckerberg creò un sito web per favorire l’incontro virtuale della community composta dagli studenti dell’Università di Harvard. Con un obiettivo diverso, ma con la stessa intraprendenza, tre ragazzi italiani hanno dato vita a WeStudents, il primo diario digitale smart disponibile per tutti gli studenti delle scuole superiori, nonché un’unica applicazione per interagire con la propria scuola e i propri compagni: la piattaforma permette di caricare i propri voti, rispondere a sondaggi, leggere le circolari e rimanere aggiornati sugli eventi.

“La nostra app nasce dalle necessità che abbiamo avuto durante il nostro percorso liceale. Se da un lato Facebook iniziava a essere utilizzato...

Categoria: 

Questa ragazza ha fondato una scuola di robotica a 16 anni

Questo articolo è apparso sul numero di Forbes di ottobre 2019. Abbonati

Questa storia inizia quando una bambina di soli 11 anni vede una pianta digitale realizzata con Arduino di cui subito si innamora. Decide di acquistare un kit della piattaforma hardware e, in brevissimo tempo, dopo alcuni progetti iniziali, realizza il suo primo robot in grado di muoversi evitando gli ostacoli. In terza media scrive la tesina utilizzando Facebook e intervistando l’astronauta Luca Parmitano mentre era nello spazio, a dimostrazione di come la rete possa essere utilizzata anche dai bambini in maniera intelligente.

Da lì per Valeria Cagnina, classe 2001, è stata tutta un’escalation: da piccoli eventi, ai primi discorsi in pubblico, alla partecipazione al TEDx a soli 14 anni, e infine all’estate al Mit di Boston al Dipartimento di Robotica l’anno seguente. “Il mio compito era quello di ...

Categoria: 

Scuola: sempre meno bocciati, e non per merito degli studenti

Redatto da Oltre la Linea.

Meno severità, meno bocciati

Eh già. Dopo il decreto dell’allora ministro dell’istruzione Valeria Fedeli (titolo di studio: diploma) ci sono sempre meno bocciati a scuola, e non sembra certo per meriti degli studenti. Come riporta Il Sole 24 Ore, infatti, “anche nel caso di parziale o mancata acquisizione dei livelli di apprendimento” la promozione scatta alle scuole medie in modo p...

Categoria: 

“Dante omofobo, via da scuola”, l’ultima crociata dei liberal

Redatto da Oltre la Linea.

Dante Alighieri è finito nel mirino delle truppe intolleranti del politicamente corretto. A darne notizia è Libero, che spiega come Gerush92, “un gruppo per i diritti umani”, voglia depennare Dante Alighieri dai programmi scolastici perché nelle sue opere condanna i rapporti tra persone dello stesso sesso e mal sopporta l’Islam.

Come scrive Pino Farinotti sul giornale diretto da Vittorio Feltri, Secondo Gerush92 i contenuti danteschi non sarebbero inalienabili, non aderirebbero ai tempi, non sarebbero politica...

Categoria: 

25 aprile, ecco come l’ANPI recluta gli insegnanti di scuola

Redatto da Oltre la Linea.

“Caro amico/a, ti scrivo per proporti il tuo sostegno e la iscrizione all’ANPI di Modena”. Così comincia la lettera, inviata ad un insegnante della città emiliana per l’anno 2019. Lettere che vengono inviate a molti, con particolare attenzione ai corpi docenti. E le frasi successive sembrano confermare l’interesse dell’associazione per i quadri formativi.

“La nostra ragion ...

Categoria: 

Birmingham, LGBT a scuola. Musulmani ritirano i figli

Redatto da Oltre la Linea.

Come riportato dal Dailymail 600 bambini, l’80% del totale, sono stati ritirati da una scuola pubblica di Birmingham poiché, a detta dei loro genitori, si promuovono stili di vita gay e transgender. Si tratta dell’evidente avanzata omofoba e xenofoba nella forma mentis della gente comune inglese? Assolutamente no, la particolarità della vicenda consiste proprio nel fatto che quei bambini sono in gran parte i figli delle comunità islamiche del luogo.

...

Categoria: 

L’ultima degli immigrazionisti: finti necrologi davanti scuola

Redatto da Oltre la Linea.

Come riporta il Corriere della Sera, che cita a sua volta Il giornale di Brescia, a San Paolo, in provincia di Brescia, sono stati affissi davanti alla scuola e alla chiesa decine di finti necrologi di bambini e di giovani, tutti con cognomi locali per rendere la cosa credibile e verosimile.

Secondo quanto riportato questa mattina da Il giornale...

Categoria: