startup

Due italiani nella cover story di Forbes Usa: sarà loro la prossima startup miliardaria?

Augusto Marietti (a sinistra) e Marco Palladino, co-fondatori di Kong.

L’edizione internazionale di Forbes ha pubblicato la quinta edizione della Netx Billion-Dollar Startups, una lista di 25 possibili startup che potrebbero diventare unicorni, cioè società non quotate che superano il miliardo di dollari di valutazione. Grazie all’aiuto di TrueBridge Capital Partners, sono state analizzate oltre 150 startup che hanno attività negli Usa per scovare gli “unicorni in erba”. Tra di loro, oltre al servizio di food delivery DoorDash, alla società di real estate Opendoor, al brand di valigie Away e all’azienda di biotech Ginkgo Bioworks, ce n’è anche una, Kong, fondata da due italiani: Augusto Marietti e

Categoria: 

Il destino digitale di Angelo Coletta, presidente di Italia Startup

Angelo Coletta, presidente dell’assocaciazione Italia Startup.

Articolo tratto dal numero di luglio 2019 di Forbes Italia. Abbonati. 

“La felicità viene prima delle regole”, dice Angelo Coletta con il suo tono largo barese contaminato da influenze romane. Una filosofia di vita che ben si addice a un imprenditore hi-tech che da un anno si è assunto l’onore e l’onere di fare il presidente di Italia Startup, l’associazione che riunisce e rappresenta l’ecosistema italiano dell’innovazione. Il motto rappresenta bene il personaggio che in questa intervista a Forbes racconta la sua storia. E fa un primo bilancio nella sua ...

Categoria: 

La startup italiana della pasta fresca punta sulla sostenibilità

Cosa daremo da mangiare a 10miliardi di persone nei prossimi 30 anni, tutti i giorni, due o tre volte al giorno, senza spremere questo pianeta? Per rispondere a questa domanda, miscusi, primo brand italiano interamente dedicato alla pasta fresca, ha presentato ieri sera la “miscusi farm”. Si tratta di progetto di recupero di una cascina che diventerà centro di produzione, ricerca e formazione per servire tutti i ristoranti della catena: l’obiettivo è quello di controllare il percorso degli ingredienti dalla terra al piatto, di sperimentare nuove tecniche di produzione e di lavorare a contatto con i produttori per promuovere un modello di alimentazione sostenibile.

Categoria: 

La startup che trasforma la plastica negli oceani in borse da viaggio

(miterro.com)

Robert Luo è sempre stato un ambientalista convinto. E un giorno non molto lontano, il suo sogno di creare una borsa sostenibile, che avrebbe dato “filo da torcere” all’industria della moda si è realizzato con la nascita di Mi Terro, marchio di borse sostenibili che utilizzano plastica riciclata. E così, insieme a un gruppo di studenti della Marshall School of Business della University of Southern California ha realizzato una borsa da viaggio in sughero e plastica dell’oceano riciclata, battezzata Aka, la prima valigia premium in sughero al mondo.

(miterro.com)

Il nome, Mi Terro, è una combinazione di spagnolo e portoghese che significa, non a c...

Categoria: 

Ecco come Craig Walker ha creato una serie di startup milionarie

(Getty Images)

Craig Walker ha creato un’incredibile serie di startup di successo. Ha raggiunto accordi con i buyer più apprezzati e al tempo stesso ha raccolto fondi dalla gente che conta nella Silicon Valley, consentendo allo stesso tempo alle aziende di operare in modo più snello ed efficiente.

Walker è apparso di recente sul podcast di DealMakers, dove ha condiviso pensieri sul suo viaggio della Valley, i modelli di successo che ha visto, i giorni più difficili che ci si aspetta di affrontare come imprenditore e molti altri argomenti.

Crescere vicino a Steve Jobs

Categoria: 

Una startup italiana ha ideato un modo per ridurre i danni dei terremoti

La cittadina di Amatrice sconvolta dal terremoto dell’agosto 2016 (Shutterstock)

ISAAC-AMD, dispositivo che contrasta le oscillazioni degli edifici durante un terremoto riducendo i rischi di danni o collassi è il progetto vincitore dell’edizione italiana degli Everis Awards 2019 organizzati dalla Fondazione Everis.

Isaac, la startup italiana che ha realizzato il progetto, è stata premiata con 20mila euro, servizi di mentoring, 5mila euro da spendere su Google Cloud Platform e l’accesso alla finale internazionale di Madrid, dove le startup selezionate in altri 10 Paesi si confronteranno per altri 60mila euro in palio.

Cosa fa nella pratica ISAAC?

Durante un terremoto il vero problema non è il terremoto in sé, ma come si comportano gli edifici in risposta a questo fenomeno: le strutture civili possono infatti subire danni o crollare se non sono costruite con criteri antisismici. Di solito questo problema viene affrontato cor...

Categoria: 

Il Barcellona lancia un fondo da 120 milioni per startup sportive

Lionel Messi del Barcellona. (Photo by Alex Caparros/Getty Images)

Il Barcellona vuole fare il gestore. Il club catalano ha infatti lanciato un fondo di private equity, Barça Ventures, che mira a raccogliere 120 milioni di euro per startup che si occupano di sonno, alimentazione e monitoraggio di prestazioni sportive. La società blaugrana non metterà a disposizione capitale per questo fondo ma gestirà i contributi che arriveranno da investitori internazionali e si metterà a disposizione come “laboratorio” in cui testare le soluzioni ideate.

L’obiettivo è quello di raccogliere la somma prevista entro due an...

Categoria: 

Ncm, la startup che vuole risolvere i problemi con gli Npl

(Getty Images)

Gli Npl (i cosiddetti non performing loans, o crediti deteriorati) sono crediti delle banche (mutui, finanziamenti, prestiti) che i debitori non riescono più a ripagare regolarmente o del tutto. Soprattutto negli ultimi anni sono stati la spina nel fianco nei bilanci di molte banche e non solo.

C’è però una startup nata nel 2017 che ha saputo ricavare un business redditizio da essi. NCM nasce dall’esperienza maturata da parte dei soci fondatori nel campo finanziario e immobiliare, con particolare riferimento proprio al settore degli Npl, con l’intento di colmare uno specifico gap informativo e gestionale che...

Categoria: 

Startup innovative: cosa manca per essere online in maniera competitiva

(Shutterstock)

La rivoluzione digitale sta cambiando radicalmente il modo di comunicare. Se ne stanno rendendo conto anche le aziende che, seppur con una certa fatica, investono per modificare le proprie strategie con l’obiettivo di essere sempre più competitive anche sui nuovi canali online. Tuttavia, se un certo percorso di rinnovamento sembra scontato per realtà che operano sul mercato da diverso tempo, un discorso del genere sembra non calzare perfettamente quando si fa riferimento alle startup, che, nel loro stesso DNA, dovrebbero contenere il gene dell’innovazione.

Secondo il Terzo Report Annuale Startup SEO presentato da Instilla, infatti, delle oltre 9.000 startup innovative italiane iscritte al Registro delle Imprese solo la metà ha un sito web, e la percentuale si riduce ...

Categoria: