unione

L’Unione europea rivuole Mario Monti (o un tecnocrate)

Redatto da Oltre la Linea.

«C’è un solo governo che la Commissione europea vorrebbe ancora oggi alla guida dell’Italia, ed è proprio l’esecutivo che meno rimpiangono gli italiani: quello che fu guidato da Mario Monti. Tutti gli altri, da quello (breve) di Enrico Letta a quelli di Matteo Renzi e Paolo Gentiloni, fino all’attuale esecutivo guidato da Giuseppe Conte, hanno deluso e irritato i guardiani dell’area dell’euro» scrive Italia Oggi.

...

Categoria: 

Quel fallimento chiamato Unione Europea

Redatto da Oltre la Linea.

Il disastro degli ultimi 30 anni

Il voto di ieri ha emesso giudizi chiari: l’Unione Europea è un fallimento. Non si tratta ancora di una sentenza definitiva, come del resto ci aspettavamo: i sovranisti non sono la maggioranza dell’assemblea continentale, complice anche la scelta dei vincitori ungheresi di rimanere nel PPE, ma in ogni caso hanno lanciato un messaggio chiaro in molti Paesi: in Gran Bretagna con il successo clamoroso del Brexit Party, in Francia con la https://oltrelalinea.news/2019/05/26/francia-rn-supera-macron-le-pen-sci......

Categoria: 

Francesco Amodeo: l’Unione Europea fu progettata in America

Redatto da Oltre la Linea.

Alla puntata di “Testa o croce” del 6 maggio 2019, condotta per Money.it da Fabio Frabetti, è stato intervistato il noto giornalista e blogger Francesco Amodeo. Come cittadino consapevole, ha portato avanti per lungo tempo un’inchiesta sulle origini dell’integrazione continentale, dando vita ad uno scomodissimo libro dal nome “La Matrix Europea”, basato su documenti ufficiali e per ciò stesso estremamente scomodo, in quanto non confutabile: non a caso, è stato censurato per anni (è stato edito nel 2014), e riscoperto soltanto recentemente (nel 2018) grazie al web. Di questa s...

Categoria: 

La “fine” dell’Unione Europea?

Redatto da Oltre la Linea.

Leviamo subito ogni dubbio, l’Unione Europea non è finita ed è comunque in forte dubbio che lo sarà nei prossimi anni. Le contingenze spingono però a pensare che – comunque vadano le prossime elezioni – l’UE così come la conosciamo sia prossima alla sua fine.

In questo momento storico possiamo infatti immaginare le istituzioni europee come un farraginoso bastione che divide due forze in controtendenza ed all’apparenza belligeranti, ma che crollato il divisorio potrebbero facilmente trovare dei punti in comune. Queste due entità sono i populisti-sovranisti da un lato e l’asse franco-tedesco dall’altra, ma per quale motivo due visioni così diverse potrebbero trovare un punto di contatto a scapito dell’attuale élite europe...

Categoria: 

Pages